dic 19
2011

Tronchetto di Natale vegan


Un’idea…… ho provato a metterla in pratica subito, mi piaceva l’idea di realizzare il Tronchetto di Natale.
Ho preso spunto dall’Arrotolato di tofu, il procedimento è semplice e veloce, il risultato è sorprendente, un dolce unico, morbido, compatto, elastico, goloso.
Un Tronchetto di Natale con il tofu….. light, senza glutine e cruelty free.
E’ impossibile provare a descriverlo, non posso fare paragoni, l’aggettivo più corretto da utilizzare è buonissimo!!!!

Ingredienti:
250 gr di Tofu al naturale Bioappetì
100 gr di farina di riso
2 cucchiai di farina di semi di carrube
2 cucchiai di olio di semi
2 cucchiai di succo d’agave

Ingredienti per il ripieno:
350 gr di mele golden
2 albicocche secche
2 cucchiai di zucchero di canna
2 cucchiai di cacao amaro
cannella q.b.

Ingredienti per la crema di copertura:
½ litro di latte di riso
30 gr di zucchero di canna
1 cucchiaino di agar agar
70 gr di farina di riso

Procedimento:
Come per l’Arrotolato di tofu, in un robot riunire il tofu, la farina di riso, la farina di semi di carrube, l’olio di semi e il succo d’agave.
Tritare sino a quando non si formerà un composto compatto e plasmabile. Serviranno pochissimi minuti.
Avvolgere la “pasta” nella pellicola per alimenti e far riposare in frigorifero mentre si prepara il ripieno.
Sbucciare e tagliare a piccoli pezzi la mela, in un tegamino riunire le mele, le albicocche secche, lo zucchero di canna e pochissima acqua.
Far cuocere a fiamma bassa sino a quando diventano morbidi.
Frullare con un frullatore ad immersione, rimettere sul fuoco, aggiungere il cacao e la cannella, assaggiare ed eventualmente aggiustare di sapore assecondando i gusti personali.
Cuocere per 10 min. circa, far addensare mescolando in continuazione.
Far raffreddare.
Riprendere l’impasto del tronchetto, con l’aiuto di un mattarello stenderlo su un foglio di carta forno leggermente infarinato, spianarlo sino a ½ cm di spessore, cercare di formare un rettangolo il più possibile regolare.

Stendere uno strato di crema al cioccolato sull’impasto e arrotolare, aiutandosi eventualmente con la carta forno, sigillare le estremità e chiudere il rotolo a caramella nella carta forno.

Rivestire il tutto con un foglio di carta d’alluminio, per evitare che si apra in cottura.

Cuocere in forno caldo per 30 min, a 180°.
Aprire la caramella e controllare il tronchetto, se necessario rimettere qualche minuto in forno, aperto,  ad asciugare.
Far raffreddare completamente e riporre in frigorifero per almeno 30 min. Nel frattempo preparare la crema di copertura.
In un pentolino riunire la farina di riso, lo zucchero di canna, l’agar agar, allungare con il latte di riso e stemperare accuratamente per sciogliere eventuali grumi.
Cuocere a fuoco basso per 10-15 min, si deve addensare: il composto sarà decisamente corposo.
Far raffreddare e riposare in frigorifero per almeno 1 ora.
Riprendere la crema, con le fruste elettriche montarla, gli eventuali grumetti dovuti al raffreddamento si scioglieranno e la crema si gonfierà somigliando ad una panna di soya montata.
Tagliare le estremità al tronchetto in diagonale, utilizzare i due pezzetti per formare i tronchi laterali.
Comporre il dolce direttamente sul piatto di portata.
Ricoprire con uno strato generoso di crema, spalmarla accuratamente. Con i rebbi di una forchetta disegnare sulla superficie il classico disegno delle venature.
Spolverizzare leggermente con cacao amaro in polvere la superficie, decorando anche il piatto di portata.
Far riposare in frigorifero qualche ora prima di servire.

La crema di riso non si smonterà, a differenza della panna rimarrà corposa.
Durante il riposo il tronchetto ha modo di assorbire la crema di copertura ammorbidendosi.
Togliere dal frigorifero almeno 30 min. prima di servirlo.

Servire, accompagnando con un cucchiaio di salsa al cioccolato.

La salsa al cioccolato si può variare assecondando i gusti personali: si può arricchire con nocciole tritate, oppure si può utilizzare la veghella.
Ho voluto farcirlo con una crema “leggera” è il tipico dolce da servire dopo un pranzo importante, non volevo appesantirlo.
Le dosi delle creme sono abbondanti, la crema di riso avanzata si può gustare al cucchiaio: sarà un dessert fresco e leggero; la crema al cioccolato si può affiancare alla fetta del tronchetto oppure si può utilizzare per farcire una torta o semplicemente gustarla come dessert.
La preparazione è semplice, i tempi di riposo sono necessari per permettere ai sapori di amalgamarsi. Il tofu si è rilevato perfetto: alimento prezioso sotto il punto di vista nutrizionale è eccezionale in tutte le preparazioni.
Il Tronchetto di Natale classico è quasi impossibile da realizzare nella versione cruelty free e gluten free.
Ora tutto è possibile, un ottimo dolce, nutrizionalmente sano e completo, cruelty free e gluten free!!!

Note: il tronchetto che ho realizzato è lungo circa 15 cm, largo circa 7 cm. Si può considerare un dolce per 6 porzioni, comprese le estremità laterali.

Con questa preparazione partecipo al contest: Panna cioccolato e fantasia

22 risposte a “Tronchetto di Natale vegan”

  1. complimenti per l’idea, sembra delizioso! ottima alternativa vegan ai classicissimi dolci natalizi. Quest’anno volevo provare a fare un panettone vegan ma per mancanza di tempo devo desistere… il tuo tronchetto è molto più veloce da preparare ed ugualmente scenografico! grazie per la ricetta! :D Colgo l’occasione per farti i miei auguri di buon natale! un abbraccio

    • Felicia scrive:

      Grazie!!!! provalo vedrai stupirai tutti, inoltre si conserva in frigorifero qualche giorno senza problemi.
      Auguri anche a te, ti auguro di passare giornate serene. Un bacione
      Se lo fai fammi sapere, mi fa piacere il tuo parere!!!

  2. Chicca66 scrive:

    RAgazza questo devo farlo assolutamente, già quando me lo hai fatto vedere la salivazione è aumentata nonostante io dica sempre di non essere golosa :-)

    • Felicia scrive:

      Provalo!!!! per i golosoni di casa dolcifica la crema di farcitura, puoi anche aggiungere nocciole tritate!!!!! Aspetto il tuo parere!!!!! mi fa piacere sapere cosa ne pensi :-)

  3. Raffy77 scrive:

    Molto originale questo tronchetto natalizio gluten free ;-)

  4. davide scrive:

    senza parole! è bellissimo! una versione così non l’avrei mai immaginata! :)

    • Felicia scrive:

      Grazieeeeeee, mi dispiace di non poter fartelo assaggiare, è buonissimo, ogni volta che l’ho mangiato non riuscivo a credere che fosse tofu!!! e pensare che l’ho fatto io!!!!! Il giorno dopo era ancor più buono, i sapori si sono amalgamati, ma si sentiva la nota della cannella e il cacao, sul finire la dolcezza della crema. L’impasto morbido ma corposo…… è davvero impossibile descriverlo!!!!

  5. lallabel scrive:

    non ho parole..che idea geniale!!
    devo dire che non riesco ad immaginarmi il sapore…ma sono sicura che è ottimo!!
    complimentissimi!

  6. Luu scrive:

    Feli complimenti…è un dolce bellissimo e buonissimo, lo farò durante le feste :) nel frattempo ti faccio tanti tanti auguri di cuore per questo uo primo natale da sposina :) :) e grazie per tutte le ricette che ci hai regalato :)

    • Felicia scrive:

      Tanti auguri a te, ti auguro festività serene e tranquille un un nuovo anno carico di positività……. grazie a te per le belle parole che mi scrivi, ogni volta che leggo un tuo commento mi commuovo. Un bacione :-)

  7. LamiciaCleo scrive:

    Che bello! Hai sempre delle idee fantastiche!
    Buone Feste ^.^

  8. […] il Tronchetto di Natale dovevo provare una variazione sul tema. Un dolcetto monoporzione, leggero e gustoso. La doppia crema […]

  9. […] il Tronchetto di Natale dovevo provare una variazione sul tema. Un dolcetto monoporzione, leggero e gustoso. La doppia crema […]

  10. Mimì scrive:

    Hai avuto sicuramente una pazienza notevole e l’ingegno a te in cucina non manca mai! Complimenti per questo tronchetto davvero sfizioso e goloso. Ottimo anche il ripieno, leggero ma al tempo stesso dolce e goloso!Bravissima come sempre!

    • Felicia scrive:

      La preparazione è veloce, il risultato notevole, considerando che il prodotto finito non ha glutine. La crema è risultata leggera ma gustosa, una soluzione indovinata!!!! Ti ringrazio per i complimenti :P

  11. Katy scrive:

    Bellissimo! L’anno scorso ci ho provato non so quante volte a farlo, ma il rotolo mi si è sempre spezzato nel rotolarlo :-(
    Io però cuocevo l’impasto steso in una teglia rettangolare poi lo avvolgevo, ancora caldo, in un telo e solo da freddo lo farcivo…sempre un disastro! Forse cuocerlo già farcito è la soluzione! :-)

    • Felicia scrive:

      Il segreto della riuscita di questo tronchetto è il tofu…. l’impasto è senza glutine ma con il tofu, il risultato è sorprendente!!!! provalo, la farcitura la puoi variare come meglio credi, puoi mettere castagne cotte e frullate, cioccolato… in poche parole lo puoi personalizzare seguendo i tuoi gusti!!!!

Lascia una risposta