Dolci Pasquali

Una piccola raccolta di dolci Pasquali, per una Pasqua vegan, golosa e indimenticabile.

 

collage-pasqua2

Tutte le proposte sono già presenti sul blog, alcune preparazioni sono tipiche della ricorrenza, altre sono perfette per chiudere il pranzo Pasquale tradizionale o un pranzo leggero e solare all’aperto.
Il primo dolce di questa raccolta è la sempre attuale e versatile Spuma alle mandorle con granella croccante.
Ieri la presentazione ufficiale al raduno delle Pentole Felici; riproporre la ricetta è d’obbligo: la soffice crema alle mandorle è perfetta per chiudere un ricco pasto, ma non solo: la sua versatilità le permette di trasformarsi in una morbida e golosa farcitura.

SPUMA ALLE MANDORLE CON GRANELLA CROCCANTE

dolci Pasquali

Ingredienti per la crema:
1 litro di latte di mandorla
130 gr. di farina di riso
2 cucchiai di succo d’agave
2 cucchiaini di agar agar

Ingredienti per la farcitura:
50 gr. di mandorle tritate
30 gr. di quinoa soffiata
2 o 3 cucchiai di zucchero di canna scuro

Ingredienti per la guarnizione:
Cioccolato fondente q.b.

Procedimento:
In un pentolino antiaderente miscelare la farina di riso con l’agar agar, unire il succo d’agave e stemperare il tutto con il latte di mandorla.
Cuocere a fuoco basso per 15 min. circa, mischiare costantemente per evitare la formazione di grumi.
Si deve ottenere un composto decisamente corposo e sodo.
Far intiepidire e successivamente riposare in frigorifero per qualche ora; è possibile preparare la crema il giorno precedente e lasciarla tutta la notte in frigorifero.
In una padella antiaderente versare le mandorle tritate, la quinoa soffiata e lo zucchero di canna; scaldare a fuoco basso mescolando continuamente, per circa 10 min.: lo zucchero si deve sciogliere leggermente e amalgamarsi alle mandorle. Il composto non deve trasformarsi in croccante, deve risultare simile ad una “granola”.
Far raffreddare.
Comporre il dolce: con la frusta elettrica montare la crema, far inglobare aria per renderla soffice.
Diventerà morbida e soffice simile alla panna.
Con l’aiuto di una sac-a-poche, distribuire una parte della crema sul fondo dei bicchieri, spolverizzare con uno strato di “granola”, quindi terminare con la crema.
Completare con una spolverata di granola e una grattugiata di cioccolato fondente.
Servire.
I bicchierini si possono confezionare in anticipo e conservare in frigorifero.
Lasciarli a temperatura ambiente per almeno 30 min. prima di servire.

La raccolta di dolci Pasquali prosegue con La Colomba vegan con pasta madre: classico e intramontabile dolce, immancabile sulle nostre tavole, perfetto in ogni occasione ed in ogni momento.

COLOMBA VEGAN CON PASTA MADRE

dolci Pasquali

Gli Happy Bunny faranno felici e bambini, ma non solo, anche gli adulti non sapranno resistere: il morbido impasto racchiude la farcitura, a voi la scelta: discreta marmellata o la golosa Crema di nocciole.

HAPPY BUNNY

dolci Pasquali

Piccole, discrete, dolci, golose Vegan Pastierine nella versione senza glutine.
Semplici, pulite, discrete…. un boccone di felicità per tutti, proprio tutti!

VEGAN PASTIERINE

dolci Pasquali

Non può mancare il dolce tradizionale, classico, goloso, intramontabile per eccellenza, il Tiramisù vegan, la morbida e sofficie crema avvolge le fette biscottate, equilibrato e goloso regala sensazioni uniche.

TIRAMISU’ VEGAN

dolci Pasquali

Raffinata ed elegante la Bavarese ai pistacchi soddisfa anche i palati più esigenti, discrete porzioni per un dolce al cucchiaio decisamente goloso.

BAVARESE AI PISTACCHI

dolci Pasquali
Non poteva mancare la Crema al caramello, gustata al cucchiaio o servita nel goloso gusto di frolla (senza glutine) al cioccolato è una proposta semplice e veloce per chiudere in dolcezza il pranzo pasquale, ma non solo, la sua consistenza la rendono perfetta per creare golose farciture.

CREMA AL CARAMELLO

dolci Pasquali

Una piccola selezione di dolci, golosi, sani…. vegan. Dolce Pasqua a tutti.

 

17 commenti su “Dolci Pasquali”

  1. Grazie Feli, sono tutte buonissime ricette. Da fare, rifare sicuramente. Chissà che carica che avete tutti quanti dopo il raduno. Prima o poi riuscirò a venire anch’io. Buona giornata

    Rispondi
    • Grazie carissima…. hai ragione il raduno ti carica…. a dire il vero oggi accuso un pò di stanchezza dovuta alla giornata di ieri, viaggio di rientro compreso (interminabile!!!!) Al prossimo raduno non puoi mancare!!!! Buona giornata

      Rispondi
  2. Che bonta’ ! Complimenti per tutto, sto per svenire.Sicuramente provo a riprodurre la spuma di mandorle, non sapevo che il risultato, dopo aver usato agar agar, fosse cosi, gazie per l’info.

    Rispondi
    • Grazie mille!!! sono tutti buonissimi, doci appaganti senza essere esagetamente dolci e grassi. Il mio preferito la crema al caramello, quello di mio marito la spuma alle mandorle 😉
      L’agar agar è magico…. sfruttiamo la sua magia!!!

      Rispondi
    • Puoi variare latte vegetale e personalizzare il sapore assecondando il gusto delle bambini, la consistenza è interessante, perfetta anche per farcire e guarnire 😉

      Rispondi
  3. ho sperato fino all’ultimo di poter venire al raduno, ma non ce l’ho fatta.Mi dispiace.I tuoi dolci sono uno spettacolo.Quest’anno proverò a cimentarmi con la colomba (se trovo gli stampi).
    buona notte

    Rispondi
    • Carissima…. ci sei mancata, queste giornate sono una vera e propria ricarica per lo spirito e il corpo…. Esperienze uniche, il prossimo anno non devi mancare. Non dovrestri avere difficoltà a trovare gli stampi, se hai un negozio che vende carta e spago li trovi, ma anche in alcuni supermercati. Sono proprio curiosa di ammirare la tua colomba. 😉 un abbraccio

      Rispondi
      • di sicuro non verrà mai bene come la tua.coi lievitati faccio spesso casino!!!!!
        lo so, stare con persone positive, fa bene all’anima.per questo mi è dispiaciuto tantissimo non esserci.

        Rispondi
  4. Posso fare un complimento speciale a chi ha fotografato i bicchierini di spuma di mandorle?? sospetto sia Fausto…la foto è ma-gni-fi-ca (come sempre del resto, tutte le tue foto)…attraverso l’immagine curata, la tua cucina è valorizzata al meglio e risulta mooolto attraente!!

    Rispondi
    • Grazie carissima, mi fa davvero piacere che le fotografie ti piacciano, ma la fotografa dei piatti sono io, Fausto ha provato ma i risultati sono diversi, io che ho cucinato e confezionato il piatto riesco a cogliere quel dettaglio in più!!! è come se il piatto mi parlasse e riesco a rappresentarlo al meglio. Da poco abbiamo comprato la macchina fotografia nuova, le ultime foto dovrebbero essere migliorate, anche se sono ancora in fase di apprendimento. Buona giornata 🙂

      Rispondi
  5. Complimenti solo a te, allora! sei autodidatta o hai frequentato pure corsi di fotografia?? comunque le tue foto trasmettono proprio quella passione che intendi tu…

    Rispondi
    • Grazie carissima…. sono autodidatta, e mi piacerebbe fare un corso, mi arrangio ma ci sono fotografie molto più belle delle mie, molte blogger sono veramente brave.

      Rispondi

Rispondi a londarmonica Annulla risposta