hummus di lenticchie

Hummus di lenticchie con polenta di quinoa

Una morbida crema, avvolgente, gustosa…. adoro coccolarmi con morbidi hummus, li trovo appaganti e gustosi.
Ho unito alle lenticchie la zucca, volevo un hummus particolarmente morbido e avvolgente.


hummus di lenticchie
Lenticchie rosse e zucca: un abbinamento sicuro; abbinare un cereale per un ottenere piatto completo è stato il passaggio successivo.
Ho provato a fare la polenta con la farina di quinoa, il risultato è sorprendente, un gusto unico impreziosito dalle mandorle tritate.
Con pochi e semplici ingredienti un piatto completo e appagante, originale e sfizioso.

Ingredienti per l’Hummus di lenticchie e zucca:
150 gr di zucca pulita bio
150 gr di lenticchie rosse secche bio
4 o 5 foglioline di salvia
1 cm quadrato di zenzero
sale q.b.
1 cucchiaio di semi di girasole bio
maggiorana fresca q.b.
olio di semi di zucca bio
acqua q.b.

Ingredienti per la polenta di quinoa:
200 gr di farina di quinoa
50 gr di mandorle tritate grossolanamente
1 cucchiaino di semi di chia (facoltativi)
800 ml di acqua leggermente salata circa
salsa di soia (tamari)
maggiorana essiccata

Procedimento:
In un robot da cucina inserire la farina di quinoa, le mandorle e i semi di chia, tritare il tutto sino ad ottenere un trito fine ed omogeneo.
In una casseruola antiaderente portare a bollore 600 ml di acqua leggermente salata, prima che raggiunga il bollore, spostare dal fuoco e versare a pioggia la farina di quinoa arricchita.
Mescolare immediatamente con una frusta per amalgamare gli ingredienti ed evitare che si formino grumi, far cuocere la polenta per circa 30-40 min. mescolando continuamente.
Verso fine cottura, assaggiare e insaporire con poca salsa di soia e maggiorana essiccata.
Consiglio di iniziare a cuocere la polenta con 600 ml d’acqua, ma conservate 200 ml di acqua bollente a fianco: se la polenta dovesse asciugarsi troppo, aggiungete poco alla volta l’acqua necessaria.
Stendere (l’impasto deve risultare abbastanza sodo) in una teglia, in modo da ottenere uno spessore di circa 1 cm. Far raffreddare, tagliare e far dorare in forno caldo a 180° per circa 20 min. a metà cottura girare le fette di polenta dal lato opposto.
Preparare l’hummus di lenticchie: in una casseruola far cuocere le lenticchie (precedentemente lavate) con la zucca lavata, sbucciata e tagliata a pezzetti, unire lo zenzero, un pizzico di sale e poca acqua.
A cottura frullare il composto, aggiungere poca acqua se necessaria, unire i semi di girasole e la maggiorana sfogliata. Frullare nuovamente,  in ultimo aggiungere l’olio si semi di zucca (o olio extravergine d’oliva), frullare brevemente per emulsionare gli ingredienti.
Ritirare l’hummus in un contenitore adatto ad essere portato in tavola, gustarlo tiepido con a fianco la polenta di quinoa caldissima.
L’hummus raffreddandosi tende ad indurirsi, se lo preparate in anticipo, basterà scaldarlo leggermente.
hummus di lenticchie
La polenta di quinoa mi è piaciuta tantissimo… potrebbe sembrare un azzardo, ma la sua consistenza vi conquisterà. L’esterno croccante con il cuore morbido, aromatico e gustoso.
hummus di lenticchie
Se avanza potrete gustarla tranquillamente il giorno seguente, tiepida o calda è buonissima anche a colazione….
hummus di lenticchie
L’hummus di lenticchie è delizioso, non poteva essere altrimenti, le lenticchie rosse insieme alla zucca sono irresistibili.

Domenica a Cremona, per la prima volta ci sarà un veg-aperitivo, un evento unico, aperto a chiunque voglia partecipare e assaggiare piatti vegan.
La Lav di Cremona ha pensato e ideato l’evento, io mi occuperò del buffet…. un ricco buffet di antipasti vegan, stuzzicanti e invitanti.
Se siete in zona e volete condividere con me questa meravigliosa iniziativa vi aspetto e sarò felice di incontrarvi.

 

26 commenti su “Hummus di lenticchie con polenta di quinoa”

  1. Questa ricetta la seguirò senz’altro. Non vedo l’ora, hai abbinato sapori che mi piacciono assai e allora cosa sto aspettando? Grazie di cuore! Peccato che domenica non riesca a venire a Cremona, mi sarebbe piaciuto incontrarti. Sicuramente un gran successone! A presto e buona giornata

    Rispondi
    • Peccato non vederti… mi avrebbe fatto piacere 🙂 La ricetta è semplice ma veramente gustosa, se la provi fammi sapere, sono curiosa di sapere se ti è piaciuta. Speriamo in un discreto successo, è la prima volta che a Cremona viene organizzato un evento simile, non abbiamo precedenti su cui basarci….. incrocio le dita!!!

      Rispondi
  2. Anch’io adoro l’abbinamento zucca – lenticchie rosse… ma la polenta di quinoa mi mancava! Devo assolutamente provarla la prossima volta che macino la quinoa!

    Rispondi
    • Sono certa che con la quinoa macinata da te sarà una vera squisitezza!!!! l’unico consiglio che posso darti è di ridurre leggermente la dose d’acqua, puoi tenerti dell’acqua bollente pronta e aggiungerla se necessario, generalmente le farine fresche chiedono meno liquidi. Sono proprio curiosa di sapere se ti è piaciuta la polenta di quinoa….. 😉

      Rispondi
    • Grazie carissima…. Cremona ha davvero tanto da offrire, ci sono scorci davvero interessanti… spero che i cremonesi accolgano l’invito, è una bella occasione di assaggiare e capire come si nutrono i vegani 😉

      Rispondi
  3. Che sia la volta buona che mi ricordo di comprare la farina di quinoa?! Speriamo perchè sono proprio curiosa! 🙂
    Sono certa che i tuoi mangiarini domenica verranno spazzati via tutti, poi facci sapere come è andata!

    Rispondi
    • La farina di quinoa non è proprio a buon mercato, ma ogni tanto… in versione polenta mi è piaciuta tantissimo 😉 Spero che i miei antipastini siano graditi….. e farò o meglio Fausto farà tantissime foto!!!!

      Rispondi
  4. wowwwww….incrocio le dita per te per domenica!che bello!!!,sono sicura che si leccheranno tutti i baffi.la polenta di quinoa mi manca, non l’ho mai assaggiata.ora sono curiosa.fai delle foto eh, di domenica.che sono curiosa come una scimmia!

    Rispondi
    • Se hai occasione prova la farina di quinoa, magari in polenta!!!! buonisima….. vedrai ci saranno le fotografie, spero riescano bene, l’ambiente non è molto illuminato, ma faremo il possibile 😉

      Rispondi
  5. per le foto…un faretto da leroy merlain di quelli da cantiere, portatile.costa sui 15/20 €.io lo uso per fare le foto quando piove o c’è poca luce (magari per fotografare i piatti prima che arrivi la gente). notte

    Rispondi
    • Grazie carissima, ma l’idea è nata proprio per caso, stavo considerando perchè solo ed esclusivamente farina di mais….!!! ho provato e il risultato è andato oltre ogni aspettativa…. da oggi non solo mais per la polenta 😉

      Rispondi
  6. Come al solite le tue ricette sono spettacolari , grazie mille adoro sperimentarle tutte…. solo una domanda con cosa posso sotiruire la farina di quinoa? e se non si più sostituire quale devo comprare??
    grazie mille

    Rispondi
    • La farina di quinoa la trovi nei negozi bio, ma se vuoi puoi tranquillamente fare una polenta classica con farina di mais, e gustare l’hummus con la polenta…. in ogni caso sarà squisita e l’hummus irresistibile 😉

      Rispondi
  7. Ecco cos’era la meraviglia vista su Facebook! Polenta di quinoa, mai provata, troppo irresistibile, la proverò presto! L’hummus poi lo adoro lo mangerei tutti i giorni, in questa versione arricchita con la zucca deve essere speciale…insomma un piatto che incontra proprio i miei gusti 😉
    Purtroppo l’aperitivo è un pò troppo lontano per me per poter partecipare, ma mi sarebbe piaciuto..attendo quindi il reportage! A presto buona giornata 🙂

    Rispondi
    • Grazie mille… anch’io come te adoro l’hummus… mi piace la consistenza mi appaga e mi soddisfa totalmente!!!! Il “fotografo” dovrà impegnarsi tantissimo, ma sono certa che riusciremo a scattare qualche foto dell’evento, farò sicuramente il reportage… Buona serata 😉

      Rispondi
  8. ^o^ Ma guarda un po’ che idea stravagante, proprio il caso di dire che la Fantasia con la f maiuscola non ti manca!!!…come al solito credo che te la copierò anche perché proprio in questi giorni pensavo di assaggiare la quinoa che ancora non ho avuto il coraggio di acquistare…strano per me che provo di tutto, ma il suo aspetto non mi convince mai e ogni volta rimetto giù il pacchetto in questo caso però essendo farina il problema non si pone! mi hai convinta cara stasera passo alla mia “Bottega del cuore” e la compro (è proprio il caso di dire così, infatti il mio amore dice che quando entro nei negozi di prodotti bio/naturali è come portare un bambino al luna park…mi si illuminano gli occhi e comprerei il negozio intero! con sommo dispiacere del portafoglio tra l’altro!!! ma stasera mi limiterò alla farina di quinoa, il resto ce l’ho già tutto in casa)
    mmmm come al solito ho scritto un papiro! scuuuusa! forse aprirò un blog così non intaserò più quelli altrui! Baciottoli e per domenica non ho dubbi, con te ai fornelli il successo è assicurato!

    Rispondi
    • Anch’iooooo quando entro in un negozio bio gli occhi si illuminano ed esco con il borsello leggero!!! la farina di quinoa come la quinoa del resto ha un leggero retrogusto amaro, proprio per questo ho aggiunto le mandorle, dopo averla dorata il sapore si attenua ed è squisita… prova a gustarla il giorno dopo a colazione!!!! mi è piaciuta tantissimo…. il blog regge tranquillamente i tuoi commenti, ma se mai decidessi di aprirne uno tuo verrò a trovarti………. un bacione 🙂

      Rispondi

Lascia un commento