Focaccia saracena

In un raro momento di zapping televisivo, ho intravisto la preparazione di questa focaccia anzi, nello specifico di una pizza. Mi ha incuriosito la dettagliata spiegazione delle capacità della farina di grano saraceno.

focaccia-saracena-010
Il famoso Bonci spiegava che la farina di grano saraceno aumenta la fermentazione, l’impasto risulta particolarmente morbido, questa caratteristica viene mantenuta anche quando il prodotto è freddo.
Dovevo assolutamente provare…..
Il risulto è sorprendente….. soffice, gustosa, sfiziosa.

Ingredienti:
300 gr di farina manitoba
170 gr di farina di farro integrale
80 gr di farina di grano saraceno
150 gr pasta madre
2 cucchiaini di sale
1 cucchiaino di malto di riso
300 ml d’acqua
Olio di semi q.b.
Olio extravergine d’oliva
1 cipolla bianca
1 cipolla rossa

Procedimento:
La percentuale di farina di grano saraceno dev’essere minima, è una farina senza glutine, non riesce a lievitare, la dose consigliata è: su 1 kg di farina 0 100 gr di farina di grano saraceno.
Da questi parametri ho elaborato la mia miscela, ho unito anche la farina di farro integrale, volevo comunque un prodotto più rustico, meno raffinato.
Il procedimento è uguale alla classica preparazione: sciogliere la pasta madre con parte dell’acqua prevista e il cucchiaino di malto di riso.
A parte miscelare le farine con il sale, è assolutamente necessario miscelare accuratamente le farine. Unire la pasta madre alle farine, aggiungere l’acqua necessaria e l’olio sino ad ottenere un impasto morbido, elastico e non appiccicoso.
Far lievitare in una ciotola coprendo con pellicola per alimenti e copertina per almeno 6 ore.
Sbucciare, lavare e affettare le cipolle (ad anelli e separatamente). In due padelle antiaderenti farle appassire con un goccio di olio extravergine d’oliva.
Pochi minuti, non devono ammorbidirsi troppo.
Terminata la lievitazione dell’impasto, cospargere la spianatoia con la farina di grano saraceno, adagiare la pasta sulla farina e senza impastarla modellarla a misura della teglia.
Posizionarla nella teglia preventivamente foderata con carta forno, con il palmo delle mani spianarla per distribuirla uniformemente. Con le dita formare le classiche fossette.

Distribuire la cipolla sulla superficie, cospargere un filo d’olio extravergine d’oliva e far riposare coperta per almeno 1 ora.

Accendere il forno a 250°, a temperatura infornare la focaccia, abbassare la temperatura a 180°/190° e cuocere per 30 min circa.

Consiglio di coprire la superficie con un foglio di carta d’alluminio, evitando il contatto con la focaccia, per evitare che le cipolle in superficie si asciughino e colorino troppo.

Far intiepidire e servire.

Ottima….. Favolosa……. Mi piace il colore, risulta gustosa, soffice, leggera, morbidissima. Anche fredda mantiene queste caratteristiche.

Da rifare sicuramente, questa miscela di farine mi ha soddisfatta completamente!!!!
La miscela di farine e il dosaggio della farina di grano saraceno è una scelta personale, ho cercato di rispettare le percentuali consigliate.

9 commenti su “Focaccia saracena”

  1. The tetepatia continues!!!! 😀
    Anche io ho fatto la focaccia di cipolle 😉 ma senza pasta madre (questo ingrediente mi è ancora oscuro :D)
    Buonissima, questa semnra proprio bella rustica ^_^ Hai consigli su come togliere il profumo di cipolle dalla casa??? ;-))))

    Rispondi
    • Come l’hai definito tu il “profumo” delle cipolle è decisamente persistente…. non rimane che aprire le finestre 🙁 Non c’è modo di evitarlo!!! ma va bene così, personalmente adoro la focaccia con le cipolle 🙂

      Rispondi
  2. io ho ucciso la pasta madre……o meglio l’ho proprio lasciata morire di stenti…..per ora uso il lievito e questa focaccia è molto molto invitante!!
    sono stata proprio contenta di poterti abbracciare ieri sai 🙂

    Rispondi
    • Provala utilizzando il lievito……. vedrai la farina di grano saraceno la rende morbidissima!!!!!! Sono stata felicissima di abbracciarti, spero di aver l’occasione di rivederti 🙂

      Rispondi
  3. Feli, eccezionale!!!! Che focaccia! Al posto della Manitoba ho dovuto mettere la f. integrale di grano tenero. E’ venuta bella friabile, leggera, una lievitazione FANTASTICA sebbene io stenda sottile la pasta. Complimenti!
    Grazie per averla donata!
    Un abbraccio

    Rispondi
    • Hai proprio ragione!!!! la farina di grano saraceno negli impasti è magica… grazie a Bonchi per averci insegnato questo piccolo stratagemma!!! Hai fatto benissimo ad utilizzare la farina integrale, anch’io con il tempo ho modificato la ricetta originale utilizzato altre farine…. 🙂

      Rispondi

Rispondi a ledeliziedifeli Annulla risposta