Composta di mele e stevia aromatizzata

Lo scorso anno abbiamo iniziato a coltivare la Stevia, era solo una piccola piantina, ma seguendo con scrupolo le istruzioni ricevute dal rivenditore, siamo riusciti a moltiplicare le piantine e a creare un modesto angolo di Stevia.

composta-di-mele-013
Non è tantissima, ma la quantità raccolta mi ha permesso di fare un’esperimento.
A fine estate è necessario raccogliere le foglioline, farle essiccare e tritarle. Mentre la pianta nell’orto verrà coperta e protetta per sopportare il freddo dell’inverno.
Ho voluto provare a fare la composta di mele, non è corretto chiamarla marmellata, non c’è zucchero, quindi non diventa lucida e non si forma la consistenza tipica delle marmellata.
La consistenza che ho ottenuto è molto simile alla marmellata di castagne, densa, corposa e cremosa.
Il sapore è originale, la Stevia ha addolcito aromatizzando la composta, un leggero retrogusto di liquirizia abbinato alla cannella e allo zenzero, un mix davvero unico.
Il risultato: una composta dolce (senza zucchero e dolcificanti) grazie ad ingredienti sani e naturali.
Le mele erano della nostra pianta, mele particolarmente asciutte, ho dovuto aggiungere acqua durante la preparazione, ma i frutti erano particolarmente dolci e ricchi di pectina naturale.

Ingredienti:
2 kg di mele golden
30 gr di Stevia fresca
3-4 cucchiai di cannella in polvere
1 cm circa di zenzero fresco
2 cucchiaini di agar agar
1 limone
acqua q.b.

Procedimento:
Lavare le mele, tagliarle in quarti, passarle nel succo del limone per evitare che si anneriscano.
Senza sbucciarle tritarle grossolanamente; in una pentola inserire le mele, tritare le foglie di stevia e unirle alle mele con la cannella e lo zenzero grattugiato.
Amalgamare accuratamente e far cuocere. A metà cottura, se lo ritenete necessario, frullare il tutto senza sfibrare troppo la composta.
Le foglie di Stevia non si sono sminuzzate completamente, ho preferito frullare.
Il tempo di cottura varia a seconda delle mele: io le ho fatte cuocere per circa due ore.
Aggiungere acqua se necessario sino ad ottenere un composto ben amalgamato. Sciogliere l’agar agar in poca acqua ed unirlo alla composta a fine cottura.
Far bollire per minimo 15 minuti.
Riempire i vasetti preventivamente lavati e sterilizzati, io  li lascio nel forno caldo per almeno 30 min., chiudere il coperchio e farli riposare rovesciati su una grata.
Far raffreddare, capovolgere i vasetti e per magia il sottovuoto è fatto.
La composta è pronta e si conserverà senza problemi.

La composta nella ciotola è stata assaggiata e gustata subito, è buonissima…. Mi piace il sapore e la consistenza.

E’  inaspettatamente dolce….
Ho preferito aggiungere l’agar agar per garantire la conservabilità del prodotto, la composta era comunque ben legata e corposa.
L’esperimento con la Stevia ha funzionato perfettamente, i miei 6 vasetti (quasi 7) di composta dolce, naturale, senza conservanti, coloranti, dolcificanti, sono pronti!!!!
Ma ne farò ancora……

Il colore è decisamente anomalo, ma è normale, la Stevia è verde, la cannella marroncina, le mele gialle….. l’insieme ha prodotto questo splendido colore!!!

 

26 commenti su “Composta di mele e stevia aromatizzata”

  1. Come già ti abbiamo più volte detto, vedere “fruttare” i prodotti del tuo orto commuove un po’ noi “cittadiniaforza”. L’autoproduzione della Stevia, poi, ti fa veramente onore. Come al solito sei una vera pioniera :-)! Chissà che buon aroma liquirizioso…

    Rispondi
  2. la parola delizia è davvero azzeccata…invidio molto il tuo angolino di stevia …perchè in questo modo così naturale è l’unico modo in cui la userei 🙂

    Rispondi
  3. Una composta meravigliosa e profumata!
    Bravissimi per la coltivazione della stevia, io ho i semi ma ancora non mi sono messa con impegno con la coltivazione! 🙂
    La prossima primavera mi cimenterò, intanto ho della stevia in foglie, in gocce e polvere quindi mi rifaccio con quella!!!
    Questa composta mi piace parecchio poi in questo periodo sgranocchio sempre mele ^_^

    Rispondi
  4. Che delizia!!! Anch’io ho la stevia, regalo di un’amica, che sta vivendo bene le sue giornate … in attesa di essere barbaramente menomata! arhagharhagaha (risata satanica!)

    Rispondi
  5. Che bella Feli! Io la stevia non l’ho mai provata, sarà che tutti dicono che sa di liquirizia e quindi mi demotiva un po’….oltre al prezzo esorbitante! 😉
    Mi piace che la composta sia fatta tutta con prodotti del vostro orto, è così genuina! 🙂
    Un abbraccio

    Rispondi
  6. Mi fai venire voglia di affondarci il dito!!!!! E poi sei stata bravissima a coltivare la Stevia! Io ho il pollice nero!!!!
    Ricetta inserita x la mia sfida di Novembre!
    Grazie e felice week end!

    Rispondi
    • Grazie carissima… ma Fausto collabora attivamente, all’orto e alle piante ci pensa lui… insieme scegliamo cosa coltivare, poi lui segue il tutto…. non riuscirei proprio a passare del tempo anche nell’orto, sopratutto d’estate….. Un bacione .:-)

      Rispondi
  7. Che bello coltivare la stevia! Dove hai trovato i semi? Io la sto cercando da un po’…..proprio da utilizzare nelle composte e preparazioni dolci a base di frutta

    Rispondi
    • Ho acquistato la piantina in una manifestazione direttamente da un vivaista, la stevia si duplica per talea. Se solo ci fosse la possibilità, magari la prossima primavera poteri darti tranquillamente una piantina, ormai la mia è diventata grandicella!!!! Il sapore è molto particolare, non tutti la gradiscono, personalmente la trovo interessante e gradevole, utilizzata nella giusta misura, sopratutto negli impasti 😉

      Rispondi
  8. Sarei contenta di incontrarTi. Se per caso passi da genova fammelo sapere. La stevia la utilizzo gia’ in forma di gocce /estratto puro e non polvere troppo pasticciata e con concentrato di stevia di solito bassissima. Mi piacerebbe assaggiare direttamente la piantina

    Rispondi

Rispondi a Marta NewHorizons Annulla risposta