Dampfnudeln vegan

Dampfnudeln (gnocchi al vapore) con Pasta Madre

Dampfnudeln sono un dolce tipico di  Monaco nel periodo natalizio, siamo a Pasqua, ma questi squisiti gnocchi sono perfetti per ogni occasione…. Quest’anno niente colombe, chiuderemo il pranzo Pasquale con i Dampfnudeln e le Pastierine.

Dampfnuldeln vegan

Ho trovato la ricetta su  La Cucina del Corriere della Sera di ottobre 2012, mi ha incuriosita, sopratutto la cottura; ho veganizzato gli ingredienti e adattati alle nostre esigenze.
L’impasto è molto semplice, i Dampfnudeln sono versatili, si prestano per accompagnare piatti salati oppure si trasformano in dessert con marmellata o salsa alla vaniglia abbinate.
Ovviamente ho creato la mia salsa di accompagnamento: una salsa semplice e veloce; ho sfruttato la naturale dolcezza delle albicocche secche.
La particolarità di questi gnocchi è la cottura: rimangono morbidosi, quasi gommosi, si sciolgono in bocca diventando un boccone naturalmente dolce con la salsa alle albicocche.
Ho  cotto a vapore solo metà degli gnocchi, i rimanenti li ho cotti in forno.
Gli gnocchi cotti in forno sono buoni, ma semplicemente mini panini, buonissimi se spalmati di salsa o marmellata, mentre quelli cotti a vapore sono originali, gustosi, morbidosi…..

Ingredienti:
200 gr di farina tipo2
200 gr di farina di farro
30 gr di farina di soia
150 gr di pasta madre
1 cucchiaio di malto di riso
1 pizzico di sale
acqua e olio di semi q.b.

Ingredienti per la salsa di albicocche:
10 albicocche secche
25 gr di mandorle spellate
200 ml di acqua

Procedimento:
Sciogliere la pasta madre con poca acqua e il malto, miscelare le farine con il sale, aggiungere la pasta madre sciolta e impastare.
Unire l’acqua e l’olio necessario per ottenere un composto morbido, elastico e non appiccicoso.
Riporre in una ciotola, coprire con pellicola per alimenti, copertina e far lievitare per alimenti 6-8 ore.
Riprendere l’impasto, impastarlo brevemente e dividerlo in palline di circa 25 gr.
Dampfnuldeln vegan
Per riuscire a formare più facilmente tutte le palline è consigliabile modellare un salsicciotto e tagliare le porzioni.
Far riposare le palline per 1 ora.
Oliare il fondo di una larga padella, versarvi l’acqua (dovrà arrivare a circa metà pallina) e portare a bollore.
Adagiare le palline nella padella con l’acqua in ebollizione e cuocere per circa 30 min.
Dampfnulden vegan
Si formerà una crosticina leggermente dorata sul fondo degli gnocchi.
Dampfnuldeln vegan
Con questa dose ho ottenuto 30 gnocchi, circa la metà li ho cotti in forno. Accendere il forno a 250°, a temperatura infornare gli gnocchi e abbassare a 180°, cuocere per circa 15 min.
Avevo timore che la cottura a vapore impedisse la crescita degli gnocchi, invece la dimensione è uguale a quelli cotti in forno, l’unica differenza è la consistenza.
Dampfnuldeln vegan
Per la salsa, lasciare ammorbidire in poca acqua le albicocche per circa 20-30 min.
Nel boccale del frullatore frullare le albicocche con le mandorle aggiungendo l’acqua. Io ho unito 200 ml, ma la quantità può variare a seconda della consistenza che si vuole ottenere.
Dampfnuldeln vegan
La salsa è pronta ed è buonissima, sugli gnocchi è perfetta, naturalmente dolce.
Dampfnuldeln vegan
Questi dolcetti sono molto interessanti, un dolce delicato e leggero perfetto per chiudere una cena importante, ma non solo: si trasforma in una colazione sana e gustosa.

I Dampfnudeln cotti in forno:

 

 

18 commenti su “Dampfnudeln (gnocchi al vapore) con Pasta Madre”

  1. Ma che carini e patatini che sono!!! Mi piacciono tanto i dolcetti piccolini, e chissà che delizia, con questa crema! Un dolce insolito ma perfetto per Pasqua, grazie mille cara! ^_^

    Rispondi
  2. i lievitati a vapore mi han sempre lasciata un po’ perplessa…
    però i tuoi sono cotti in un modo ancora diverso, quasi bolliti…se io li cuocio in vaporiera?è la stessa cosa?e i panini sono cotti dentro?
    perché questa tua ricetta è molto intrigante 😉

    Rispondi
    • Puoi provare a cuocerli nella vaporiera, ma non penso che il risultato sia simile, saranno sicuramente cotti e buonissimi. In questo caso il fondo dei dolcetti tocca il tegame e si forma una leggera crosticina, rimane leggermente più croccante rispetto al cuore. I piccoli gnocchi (sono davvero piccolini) si cuociono perfettamente, ma rimangono morbidissimi e umidi, si gustano al cucchiaio, si sciolgono in bocca….. davvero molto invitanti 🙂

      Rispondi
      • è super intrigante questa cottura, la devo provare assolutamente. Proverò sia in vaporiera che come hai descritto tu, così per vedere le differenze 🙂
        bellissima ricetta, comunque 😀

        Rispondi
  3. ma pensa…non conoscevo proprio questi dolcetti, cotti a vapore poi…devono essere deliziosi, e la salsina una bomba! sei sempre una miniera di idee preziose Feli! Ti auguro una Buona Pasqua a te e a tutta la famiglia!

    Rispondi
  4. Ciao cara Feli, avevo voglia di lievi evasioni, come quelle che trovo sempre qui da te. Un ottimo antidoto alla malinconia! Come questi deliziosi gnocchi che mi piacerebbe provare a fare! Un abbraccio

    Rispondi
  5. Feli…….non sai quanto mi sei mancata!!!, il mio computer si è rotto e ho dovuto aspettare tutto questo tempo per averlo di nuovo. Adesso ho una marea di ricette da andare a vedere e da provare. Questa e’ strepitosa, originale e fantastica come del resto sei tu. 🙂 🙂 Spero tu stia bene e anche Fausto. Noi stiamo abbastanza bene fortunatamente. Ti faccio un forte abbraccio e non vedo l’ora di avere tue notizie

    Rispondi
    • Carissima…. ti ho pensata spesso, sono felicissima di risentirti e sapere che finalmente hai risolto il problema… Noi tutto benissimo, Frida cresce felice e stiamo bene, ti abbraccio e aspetto di conoscere il tuo parere sulle ricette, un bacione ♥

      Rispondi

Lascia un commento