Pesto di pomodori al basilico

Ho una vera e propria passione per le salse e tutto quello che si può definire pesto, li trovo indispensabili e insostituibili; sempre presenti in frigorifero sono l’accompagnamento perfetto per tutto, proprio tutto.

L’estate ormai è agli sgoccioli, ma i pomodori dell’orto sono ancora belli e succosi e quest’anno particolarmente dolci, li unisco ai pomodori essiccati dell’anno precedente e a qualche foglia di basilico e… dopo pochi minuti, il mio Pesto di pomodori al basilico è pronto, corposo, saporito  e versatile è perfetto per condire un buon piatto di spaghetti, ma non solo: ottimo spalmato sul pane bruschettato oppure abbinato a verdure crude, assolutamente da provare come condimento abbinato a cetrioli o spaghetti di zucchine rigorosamente crudi.


Un mix equilibrato di dolcezza e acidità si presta ad essere abbinato a qualsiasi alimento.

Ingredienti:
30 gr di pomodori essiccati
250 gr di pomodori freschi
50 gr di mandorle con la pellicina
20 foglie circa di basilico
sale integrale grosso a piacere

Procedimento:
Lasciate in ammollo, in due ciotole separate, per qualche ora o una notte,  le mandorle e i pomodori essiccati in acqua fredda; il giorno seguente, scolatele e sciacquatele, strizzate leggermente i pomodori e versate il tutto nel boccale del frullatore ad immersione.
Aggiungete i pomodori freschi ridotti a pezzetti, le foglie di basilico e poco sale.
Frullate con il frullatore ad immersione aggiungendo acqua solo nel caso sia necessario, proseguite sino ad ottenere un pesto omogeneo e corposo.
Assaggiate e aggiustate di sapore, se lo desiderate in ultimo potete unire un goccio d’olio extravergine d’oliva.
Ritirate in un contenitore e conservate in frigorifero sino al momento di utilizzarlo, si conserva tranquillamente qualche giorno, se lo preferite potete congelarlo e scongelarlo a temperatura ambiente prima di utilizzarlo, avrete sempre a disposizione il sole, l’estate sotto forma di Pesto.


A piacere potete aumentare e diminuire le foglie di basilico, oppure sostituirle con capperi e/o olive.

 

 

Lascia un commento