Panfeli di Natale con pm

Volevo un dolce speciale per Natale, non volevo ricreare il Panettone o il Pandoro, volevo il mio dolce, il prodotto da riproporre ogni anno come la mia specialità.

torta-di-natale-056
Ho navigato un po’ in cerca d’ispirazione, ma non sono riuscita a trovare niente che mi stimolasse. L’impasto utilizzato per la Torta di rose è perfetto, mi era piaciuto tantissimo, non dovevo cercare altrove, avevo già la base di partenza, dovevo solo elaborare la guarnizione.
Ho pensato su quali ingredienti usare, ovviamente tipici del periodo e della ricorrenza, ma non scontati.
Questo è il risultato.
Il mio Panfeli di Natale con pasta madre: soffice, morbido, dolce, gratificante, buono, originale……

Ingredienti per la pasta:
200 gr di farina manitoba
200 gr di farina di kamut
30 gr di farina di soia precotta
150 gr di pasta madre
50 gr di zucchero di canna
1 cucchiaino di sale
250 ml circa d’acqua

Ingredienti per il ripieno:
100 gr di albicocche secche
50 gr di mandorle tritate
50 gr di uvetta ammollata
50 gr di fichi secchi
50 gr di zucchero di canna
la scorza grattugiata di un limone
2 cucchiai di acqua di fiori d’arancio

Ingredienti per la finitura:
1 cucchiaio di succo d’agave
1 cucchiaio d’acqua
Mandorle tritate o in lamelle q.b.

Procedimento:
Il procedimento per preparare la pasta è uguale a quello illustrato nella Torta di rose: sciogliere la pasta madre in metà acqua con lo zucchero. Unire le farine miscelate, il sale e impastare aggiungendo la rimanente acqua e poco olio.
Si deve formare un impasto morbido, non appiccicoso e ben idratato.
Posizionare l’impasto in una ciotola, coprire con pellicola per alimenti e una copertina, porre a far lievitare in un luogo al riparo da correnti d’aria: il forno spento è perfetto.
Far lievitare per 6-8 ore (non oltre).
Mettere le albicocche in una ciotolina ricoperte a filo con l’acqua ai fiori d’arancio e poca acqua.
Nell’arco delle 8 ore avranno assorbito tutto il liquido e saranno morbidissime.
Riprendere l’impasto, su una spianatoia stenderlo sino a raggiungere lo spessore di ½ cm.
Frullare le albicocche con lo zucchero di canna e la scorza grattugiata del limone, se necessario aggiungere poca acqua: si deve ottenere una cremina morbida ma corposa.
Scolare ed asciugare l’uvetta, tagliare a piccoli pezzi i fichi secchi.
Spalmare la superficie della pasta con la crema di albicocche, distribuire i fichi, l’uvetta e le mandorle tritate.
Un particolare del ripieno:
Arrotolare l’impasto, chiudere le estremità.
Con delicatezza arrotolarlo formando una grossa spirale.
Sigillare la parte finale del rotolo.
Posizionare il Panfeli su un teglia da forno preventivamente foderata con carta forno.
Per permettere la saldatura della parte finale della spirale, ho posizionato l’anello di una tortiera del diametro di 18 cm., l’ho tolto prima della cottura, non volevo che il dolce lievitasse solo in verticale.
Spennellare la superficie e la parte finale della spirale con l’emulsione formata da acqua e succo d’agave. Insistere nella chiusura per favorire la saldatura della spirale.
Cospargere la superficie con le mandorle tritate, coprire con un telo e far riposare almeno 1 ora in forno spento.
Estrarre dal forno e accenderlo a 250°, prima di infornare togliere l’anello, infornare per 3-4 min a 250° poi abbassare la temperatura a 190°-200° e proseguire per 30 min circa.
Consiglio di coprire il dolce con un foglio di carta d’alluminio, senza il contatto diretto, per evitare di scurire troppo la superficie.
Controllare la cottura, spegnere il forno e far riposare a forno spento per 10 min prima di sfornare.
Far raffreddare e gustare……….
Buonissimo!!!! Ho provato a conservarlo in frigorifero all’interno di un sacchetto per alimenti, si mantiene morbido e soffice, basta scaldarlo leggermente per gustare il Panfeli fresco e fragrante come appena sfornato.
La crema di albicocche rende l’impasto morbido e naturalmente dolce.
Sono felice di aver messo a punto il mio dolce di Natale, verrà confezionato spesso, lo regalerò a parenti e amici, il sostituto perfetto del Panettone.
Anzi direi meglio del panettone confezionato: tutto naturale, sano, dolce e goloso!!!!


13 commenti su “Panfeli di Natale con pm”

  1. Un dolce davvero ricco di gusto, elaborato, soffice e nutriente!
    Un dolce con i fiocchi questo panfeli… Ottimo da condividere con le persone che si amano e che ci amano, visto tutto l’amore e l’impegno che hai impiegato nella sua stupenda creazione!
    In ritardo, ma arrivo a commentare tutte le ricette… Se qualcuna la salto,non me ne volere, è perché magari la leggo ma visto che sono tantissime poi vado oltre e magari commento le altre…

    Rispondi
    • Carissima, mi fa piacere riverti……… hai sistemato tutto?, sicuramente si!!!! Prima di tutto ti auguro Buon Anno, in ritardo….. mi auguro che tua abbia trascorso piacevoli giornate, circondanta dalla famiglia e dall’affetto.
      Non preoccuparti per i commenti!!!! avrai le future da guardare 😛 un bacione

      Rispondi
    • Lo scorso Natale l’ho offerto ad amici e parenti…. come ti dicevo è diventato il mio personale panettone. A distanza di un anno ricevo ancora i complimenti e gli amici non vedono l’ora di gustarlo nuovamente…… se lo provi fammi sapere, mi fa piacere il tuo parere. Un bacione 🙂

      Rispondi

Rispondi a very Annulla risposta