brioches in cassetta

Brioche in cassetta con Pasta Madre

Ancora una volta una fotografia mi ha ispirata questa ricetta.
Lo speciale di Sale & Pepe – Pane fatto in casa – è un interessante volume dove sono raccolte diverse ricette e preparazioni a base di pane.
Le fotografie, tutte bellissime, sono stimolanti; il libro propone pani, focacce ecc. tutte le ricette sono personalizzabili e veganizzabili, è il caso di questa Brioche in cassetta.

brioches in cassetta

La ricetta originale propone una versione decisamente diversa, il Pane è salato con una farcitura a base di formaggio ed erbe aromatiche, ho veganizzato la ricetta, ma non solo: ho voluto creare una soffice golosa Brioche, la farcitura discreta e naturale addolcisce questo pane senza renderlo stucchevole.
La scelta delle farine integrali è tra i miei mix preferiti, oltre che ad essere molto apprezzato da Fausto, mi assicura un ottimo risultato.

Ingredienti:
250 gr di farina di farro integrale
200 gr di farina integrale
50 gr di farina di soia
150 gr di pasta madre rinfrescata la sera precedente
70 gr di yogurt di soia
2 cucchiai abbondanti di malto di riso
350/400 ml di acqua
marmellata di fichi (autoprodotta)
mandorle tritate q.b.
melassa di barbabietola

Procedimento:
Sciogliere la pasta madre con il malto e poca acqua. In una capiente ciotola miscelare le farine, aggiungere lo yogurt di soia e un pizzico di sale.
Amalgamare accuratamente gli ingredienti, unire la pasta madre ed impastare aggiungendo l’acqua necessaria per ottenere un composto umido e leggermente appiccicaticcio.
Ritirare l’impasto in una ciotola, coprire con pellicola per alimenti e far lievitare in un luogo riparato da correnti d’aria.
Il tempo di lievitazione varia a seconda della temperatura in casa.
Riprendere l’impasto e impastarlo leggermente, stenderlo sulla spianatoia infarinata sino a raggiungere 3-4 mm di spessore.
Ritagliare dei dischetti di 8 cm di diametro, (con questa dose ho ottenuto 26 dischetti).
Spalmarne la metà con un velo di marmellata e cospargere con le mandorle tritate. Sovraporre il disco vuoto.
Posizionare la coppia di dischetti nello stampo da plum-cake appoggiando alla spianatoia dal lato corto.
brioches in cassetta
Riempire lo stampo, girarlo e assestare i dischetti.
In una ciotola stemperare un cucchiaino di marmellata di fichi, un cucchiaino di melassa di barbabietola e poca acqua, spennellare la soluzione sulla superficie della Brioche e cospargere con abbondanti mandorle tritate.
Far riposare a temperatura ambiente per circa 1 ora.
Accendere il forno a 250° a temperatura infornare il dolce e abbassare la temperatura a 180°, cuocere per circa 25-30 min.
brioches in cassetta
Sfornare ed estrarre la Brioche dallo stampo, rimetterla in forno per qualche minuto per farla asciugare leggermente.
brioches in cassetta
Far raffreddare la Brioche su una gratella, affettarla e servirla.
brioches in cassetta
Una Brioche delicatamente dolce con una crosticina intrigante e golosa,  perfetta a colazione o meranda…. un fetta di pane farcito con marmellata di fichi!!!
brioches in cassetta

 

36 commenti su “Brioche in cassetta con Pasta Madre”

  1. con questa ricetta devi vincere!è bellissima l’idea dei dischetti sovrapposti, l’impasto morbido e ben lievitato, e golosa l’idea della marmellata, le mandorle e la melassa.insomma, una figata!

    Rispondi
    • Grazieeeee 🙂 commossa… l’importante è aver provato una nuova ricetta e condividerla con tutti voi….. il risultato è davvero un dolce soffice soffice e gustoso 😉

      Rispondi
  2. Meraviglioso questo pan-brioche! Lo devo assolutamente provare… frine stupende, fra le mie preferite e poi la disposizione a dischetti… geniale! Mi sa che già nei prossimi giorni lo provo!

    Rispondi
    • Grazie carissima, anche Fausto apprezza questo mix di farine, la farina di farro in particolare si presta moltissimo ai dolci e abbinata alla integrale è assolutamente perfetta…. sono certa che questo dolce vi conquisterà, troppo carino 😉

      Rispondi
  3. Procedimento veramente interessante…questa brioche è una meraviglia per gli occhi e sicuramente anche per il palato! Complimenti al solito la tua rivisitazione ha superato di gran lunga l’originale 😉

    Rispondi
    • Grazie, troppo gentile… l’originale era completamente diverso, l’unica cosa che ho mantenuto è stata l’idea dei dischetti…. mi è piaciuta immediatamente 😀

      Rispondi
  4. che cosa geniale questa dei dischetti!!!
    se batto la mia recente pigrizia, prometto che la faccio e là, lo sai, sarà una pioggia di richiesta di chiarimenti e rassicurazioni 🙂
    un abbraccio!

    Rispondi
    • Su… batti la tua recente pigrizia, vedo l’ora di ripararmi dalla pioggia di richieste!!!!! :-D… scherzi a parte sono certa che non avrai bisogno di chiarimenti, ma io avrò bisogno del tuo parere…..!!!! un bacione

      Rispondi
    • Grazie carissima!!!! la mia non si sfoglia, i dischetti sono perfettamente incollati l’uno all’altro, il riposo con la seconda lievitazione li ha saldati….. 🙂
      La prossima volta lo provo in versione salata….. sfizioso 🙂

      Rispondi
      • Eccomi di ritorno! Come ti accennavo su FB fatta, infornata e assaggiata oggi: fantastica! Morbidissima e gustosa, sicuramente la rifarò presto… anche perchè fra bimbe, Marco, io e assaggi dei parenti golosi ne è rimasto solo misero pezzettino! Quindi: grazie!

        Rispondi
  5. Sandra: non conosco il lievito rapunzel, sulla confezione dovrebbe darti quanto lievito serve per mezzo chilo di farina, adatti le farine al lievito, se puoi sostituisci i 150 gr di pasta madre aumentando la farina, in questo modo avrai esattamente lo stesso risultato 😉

    Rispondi
  6. Bi Eppi: sono felice che ti sia venuto benissimo, gli stessi consigli li puoi applicare a qualsiasi prodotto dove uso la PM, si lo yogurt essendo un prodotto fermentato aiuta la lievitazione e rende l’impasto mobido e sofficioso 🙂

    Rispondi
  7. Feli, partendo da una briciola di Cesca con il suo pull-apart bread mi sono messa all’opera… impasto farina di castagna (che passione!) farina integrale di g. tenero con la Terza Acida e aspetto… curioso… e cosa trovo?!?!? Questa meraviglia!!!!!!!!!!!!! Perfetto faccio mia l’idea geniale di tagliare la pasta con il coppa pasta e assemblo il mio pane dolce con una bella fella di mela e arricchisco con marmellata di prugne autoprodotta intervallando con zucchero di canna e cannella….. bella bella bella, che soddisfazione… che profumo per casa! Esce dal forno dopo 40 minuti, foto di rito, la torta per il non-compleanno della nostra amica carissima è pronta! Si raffredda e tagliamo… DISASTRO! La parte centrale è cruda… Delusione massima, mi veniva voglia di piangere… cavolo CRUDA. Come posso fare la prossima volta a capire se l’interno sarà pronto. Le fette commestibili erano fantastiche!!!!
    Riproverò, non demordo anche perché l’idea è vincente è bellissimo da vedere!
    Grazie per l’idea!

    Rispondi
    • Carissima…. mi dispiace, mi auguro tu non abbia buttato il dolce, se lo tagli a fettine e le fai tostare in forno puoi in ogni caso consumarle… delle simil fette biscottate.
      Ma veniamo al tuo incoveniente, il formato e lo stampo rendono a rischio il dolce…. cuocendo in uno stampo stretto e alto la cottura diventa più difficile, proprio per questo ho estratto La Brioche dallo stampo ed ho proseguito la cottura ancora per qualche istante e se necessario si può lasciare a forno spento sino a raffreddamento. La prova stecchino è sicuramente utile per stabile la cottura. Altro piccolo ostacolo, le mele… durante la cottura hanno rilasciato l’acqua di vegetazione, bagnando l’impasto. Ti consiglio se le vuoi utilizzare di saltare a fiamma vivace le fettine di mela prima di inserirle nei dischetti, in modo da asciugarle, oppure puoi usare frutta disidratata… l’idea delle mele è geniale, mi piace tantissimo, una variante da provare sicuramente, da fotografare e da aggiungere al post 😉 Non arrenderti… avrai la tua personale e golosa versione della Brioche

      Rispondi

Lascia un commento