Rapanelli in agrodolce

Il nostro orto ci ha regalato dei rapanelli piccoli e leggermente coriacei, ma sono comunque un prodotto dell’orto, un nostro prodotto….

rapanelli-001
Ho voluto provare a cucinarli in agrodolce, il risultato mi ha sorpreso.
I rapanelli diventano squisiti, leggermente piccanti ma con la giusta nota agrodolce, sfiziosi, belli e alternativi.

Ingredienti:
20 rapanelli
1 o 2 cucchiaini di malto di riso
1 cucchiaio d’aceto di mele
1 cucchaio d’olio extravergine d’oliva
1 cucchiaino di salsa di soia (tamari)
prezzemolo tritato

Procedimento:
Lavate e pulite i rapanelli. Cuoceteli in un tegamino con pochissima acqua, aggiungere un pizzico di sale e coprire.
Controllare la cottura, i rapanelli devono rimanere al dente e l’acqua di cottura deve evaporare quasi completamente.
In una ciotolina miscelare il malto di riso, l’aceto di mele, l’olio extravergine d’oliva e la salsa di soia.
Versare la soluzione sui rapanelli, a tegame scoperto far evaporare e caramellare leggermente.
I rapanelli diventeranno lucidi.

A fuoco spento spolverizzare con il prezzemolo tritato, far intiepidire e servire.

Molto gustosi, mi sono piaciuti tantissimo!!!! Una ricettina veloce perfetta per un buffet o un antipasto originale.

L’ultima……….

26 commenti su “Rapanelli in agrodolce”

  1. Sono bellissimi ed aromatici ma ad essere sinceri non ho mai amato i rapanelli, è proprio quel sapore piccante a non piacermi 🙁
    Però il colore è splendido!

    Rispondi
    • Li cuocio con poca acqua, in un tegame coperti. In questo modo cuociono abbastanza velocemente circa 15-20 min (dipende dalle dimensioni), l’acqua viene assorbita quasi completamente, non la scolo scopro il tegame e mentre si asciuga prepararo l’agrodolce, in pochi istanti sono pronti!!!! Puoi pungerli con uno stuzzicadenti per valutare la cottura, devono essere morbidi ma ancora sodi e compatti….. Fammi sapere se li fai!!!! un bacione 🙂

      Rispondi
  2. Mamma mia questa è da capolavoro 🙂 I rapanelli in agrodolce non credo d’averli mai sentito nominare…anche qui non è annata di rapanelli e quelli che stan crescendo ora se son duri come i primi saranno adatti per provare questa delizia 🙂 Sei fantastica 🙂 Solo a te posson venire certe idee 🙂

    Rispondi
    • La prima volta li avevo uniti al altri ortaggi, era due o tre solo per poterli consumare, mi sono accorta che cotti sono squisiti, da li è nata l’idea di sfrutta il loro originale sapore con l’agrodolce….. sono certa che ti piaceranno 🙂

      Rispondi
  3. non ho mai mangiato un rapanello cotto in vita mia! Ma a giudicare dall’aspetto che hanno è ora di iniziare!! Poi in agrodolce chissà che bontà! Magari si possono anche invasare e conservare, che dici? Ciao!

    Rispondi
    • Anch’io non avevo mai mangiato rapanelli cotti, ho provato giusto per consumare quelli dell’orto (mi dispiace gettare ortaggi), sono buonissimi…… se hai occasione provali, rimmarrai stupita 🙂
      Non so se si possono invansare, forse sott’aceto…… non in questa preparazione, non c’è abbastanza liquido.

      Rispondi

Rispondi a Raffy77 Annulla risposta