RAW-POLPETTE

Raw-polpette di radici

Recentemente abbiamo acquistato l’essiccatore, acquisto spinto dalla necessità di conservare i nostri prodotti di orto e frutteto.
Vedo l’ora di autoprodurmi pomodorini secchi,  fichi secchi,  prugne secche e tutto quello che non riusciremo a consumare fresco; sono certa che il prossimo inverno gusteremo delle vere e proprie delizie.


RAW-POLPETTE Non sono crudista, ma mi piace variare il più possibile la mia alimentazione; i cibi crudi sono presenti quotidianamente sulla nostra tavola, consumiamo crudo tutto il possibile, integriamo con semi oleosi e frutta secca.
Variare la propria alimentazione, introdurre cibi nuovi è importante, non solo per il nostro corpo, ma sopratutto per il nostro palato; ora, con l’essiccatore, posso divertirmi a creare piccoli e sfiziosi piatti crudi.
Queste raw-polpette sono state una vera scoperta, le ho presentate a Fausto quasi con timore, in frigorifero avevo pronta l’alternativa cotta, ma….. non è servita.
Al primo assaggio e all’espressione sorpresa di Fausto, ho avuto la conferma.
Le raw-polpette sono state gradite, divorate, spazzolate.
Ora non mi resta che provare altre variazioni, altri ortaggi… con la certezza che saranno apprezzate.

Ingredienti:
180 gr. di sedano rapa (peso netto)
250 gr. di rape (peso netto)
1 cucchiaio di semi di chia
1 cucchiaio di semi di girasole
80 gr. di germogli di soia (autoprodotti)
qualche foglia di spinaci freschi  (facoltativi)
1 cm. quadrato di zenzero circa
sale dolce di Romagna
il succo di 1/2 limone
olio extravergine d’oliva q.b.

Procedimento:
Versare i semi di chia nel boccale del frullatore, coprirli con pochissima acqua e lasciar riposare qualche minuto.
Nel frattempo tritare il sedano rapa e le rape nel robot da cucina, aggiungere i semi di girasole ai semi di chia e frullare il tutto finemente, se necessario unire uno o due cucchiai di radici tritate per ottenere un trito finissimo.
Versare i semi di chia frullati nel robot, unire i germogli di soia, qualche foglia di spinaci freschi (piccole e tenere) e lo zenzero tagliato a fettine.
Tritare il tutto, assaggiare e aggiungere il sale secondo i gusti personali.
Si deve ottenere un composto corposo e abbastanza compatto.
Nel mio caso le rape avevano rilasciato acqua di vegetazione, ho messo il composto in un colino per qualche minuto: l’acqua raccolta (circa una tazzina) è stata utilizzata per insaporire le polpette.
Con le mani formare delle piccole polpette, compattarle e distribuirle nel cestello dell’essiccatore.
Far essiccare per circa 2,5/3 ore utilizzando il programma crudista (P3). A metà processo girare le polpette. Se lo desiderate è possibile prolungare il tempo di essiccazione, si otterranno polpette più asciutte.
Dopo due ore e mezza le polpette saranno morbide dalla consistenza simile a quelle tradizionali (vegan), l’esterno asciutto e leggermente croccante.
RAW-POLPETTE Se lo si desidera si possono panare con semi di sesamo. Ho preferito lasciarle al naturale per gustarle in purezza senza confondere i sapori.
RAW-POLPETTE Raccogliere l’acqua di vegetazione recuperata in una ciotolina, aggiungere il succo del limone e poco olio extravergine d’oliva, con una forchetta emulsionare i liquidi sino a formare una cremina.
Servire le polpette condendole con l’emulsione.
RAW-POLPETTE Le ho accompagnate con chips di daikon, stesso tempo e programma dell’essiccatore.
Gustose, invitante, appaganti….  stupiti e gratificati ci siamo goduti le nostre Raw-polpette di radici.
RAW-POLPETTE p.s.: la quantità di foglie di spinacino è minima, le ho utilizzare per dare un tocco di colore. La loro presenza/assenza non pregiudica il risultato della preparazione.

17 commenti su “Raw-polpette di radici”

  1. Cara Felicia, sempre di più mi convinco a prendere l’essiccatore. Sembrano veramente deliziose, per il momento non posso emularle, ma spero presto…
    Un abbraccio e buona giornata

    Rispondi
  2. feliiii….sono felice che anche tu ora abbia l’essicatore, così potrò copiarti un bel pò di ricette ihihih….le possibilità creative date dall’essicatore sono infinite, io non potrei più farne a meno.
    ti abbraccio e complimenti per la ricetta.

    Rispondi
    • Grazie carissima….. ora io potrò copiare le tue!!!! o meglio diciamo che ci scambiamo l’ispirazione e ognuna di noi farà la propria….. 😉 un ottimo acquisto, vedo l’ora di farmi i fichi secchi e i pomodorini….. sono certa che saranno buonissimi!!!!

      Rispondi
  3. Che bontà queste polpettine mi ispirano tantissimo…
    Che bellezza l’essiccatore…è ancora nella lista delle cose da comprare, ma ho appena comprato un frullatore a immersione potentissimo per le mie zuppe e paciocchi vegetali vari…devo accontentarmi 😉 A presto e buona settimana!

    Rispondi
  4. che meraviglia queste polpette crudiste. sono molto invitanti. Anche io le preparo spesso con gli scarti dei succhi. e vanno a ruba! le ultime che ho fatto con i broccoli per degli amici diffidenti, non si erano nemmeno accorti che era una preparazione crudista………
    brava, mi hai fatto veniere voglia di polpettine!!!

    Rispondi
    • Grazie carissima, spero anch’io di diventare bravissima a essiccare polpette!!!! a Fausto sono piaciute tantissimo, un ottima soluzione recuperare gli scarti dei frutti…. è proprio vero in cucina non si butta nulla!!!

      Rispondi
    • Carissima, sinceramente non pensavo…. ma mi sono pentita di non averci fatto un pensierino prima. Vedrai quest’estate quando essiccherò orto e giardino 😉

      Rispondi

Lascia un commento